logo

presso il Centro di Formazione della ASL TO5, via Mirafiori 11 a Moncalieri il 22 novembre 2016

SilverGame

un laboratorio interattivo per ragionare sugli spazi domestici all’interno di un ciclo di incontri organizzati dai sindacati pensionistici CGIL-CISL-UIL, in collaborazione con ASLTO5 e CRI

“Abitare la casa in sicurezza” è un ciclo di incontri informativi sui dei principali rischi che possono portare ad incidenti domestici che in Italia sono circa 3 milioni all’anno.

Il rischio di incorrere in un incidente domestico è percepito generalmente come scarso, i bambini insieme agli anziani sono la fascia di popolazione maggiormente a rischio.

Ustioni, scottature con pentole e liquidi bollenti, folgorazioni, ma soprattutto le cadute in genere sono tra le principali cause degli incidenti ed infortuni domestici.

Gli incidenti domestici che colpiscono le persone over 65 non sono dovute ad attività particolarmente pericolose bensì ad attività quotidiane (lavarsi, vestirsi, mangiare) e le cadute rappresentano la modalità più importante e frequente soprattutto fra le persone anziane, che può portare, ad una maggiore probabilità di ricovero ospedaliero. Mantenendo allenato il nostro apparato muscolo-scheletrico, praticando una regolare attività fisica, possiamo prevenire ulteriormente le cadute, perché miglioriamo la nostra forza muscolare, la coordinazione e l’equilibrio.

Prevenire gli incidenti domestici è quindi possibile occorre però imparare a riconoscere i rischi, prestare loro attenzione ed adeguare il nostro comportamento anche a semplici regole quando per esempio utilizziamo gli strumenti e le apparecchiature che la tecnologia ci offre per rendere più confortevole la nostra vita quotidiana. L’ASL, S.C. Igiene e Sanità Pubblica insieme alla S.C Geriatria e con la preziosa collaborazione di Associazioni quali i Sindacati pensionati (SPI CGIL - CISL FNP- UIL Pensionati) e le CRI locali, scende in campo con un’ulteriore azione di prevenzione attivando dei percorsi informativi per i cittadini, in specie per la popolazione anziana che, con quella infantile, ha il maggior carico infortunistico con le più gravi conseguenze sia di salute che economiche.

Fonte: www.aslto5.piemonte.it/servizi-per-i-cittadini/notizie