logo

Il nostro metodo

Il nostro metodo

Il nostro approccio alla promozione sociale e allo sviluppo di comunità.

 Le attività promosse in ambito di sviluppo sociale prevedono sempre un riconoscimento della complessità entro cui operare, ed è proprio da questo dato imprescindibile che Casematte ha definito il proprio contributo di interventi, diretti al superamento di condizioni critiche appartenenti al vivere sociale (comunità che di disgregano per forti conflitti interni, minoranze che non trovano accesso ai processi di trasformazione di un territorio, sottosviluppo delle potenzialità del singolo e del gruppo).

Agire su processi complessi comporta, per Casematte, l’attuazione di interventi che sappiano guardare al singolo individuo, come interlocutore fondamentale per il disvelamento delle “patologie” e delle risorse di un territorio o di un sistema comunitario.

Si tratta di tracciare in questo modo un percorso di azioni che non disperdano le autenticità che i singoli hanno di volta in volta acquisito, scoperto o rinnovato, dando alle persone la possibilità di comprendere le fasi di una trasformazione necessaria per un rinnovato interesse di partecipazione alla vita sociale.

Casematte lavora dunque sui ruoli posseduti da ciascun soggetto coinvolto in un percorso di cittadinanza attiva, sia esso una singola persona o un ente o una istituzione, intervenendo sulla possibilità di guardare ad essi come punto di partenza per una ricerca che si ponga come obiettivo l’accesso ad un ampliamento dello spazio vitale, attraverso ruoli adeguati e non cristallizzati e precostituiti.

Tema centrale di questo nostro procedere è la comunicazione, intesa sia come linguaggio quotidiano attraverso il quale le persone si mettono in relazione con l’esterno, sia come ricerca di linguaggio atto a promuovere servizi, informazioni, modalità (nel caso di un ente o di un soggetto promotore).

E’ nell’ambito della comunicazione con il singolo che emergono possibili deficit di linguaggio (inteso non come mancanza di strutture cognitive ma come sottosviluppo di queste per assenza di esperienze significative ).

Per Casematte intervenire sui processi di inclusione sociale vuol dire accompagnare le persone verso la scoperta del linguaggio personale, sapersi raccontare e dunque potersi vedere nel qui e ora (una richiesta di partecipazione nella quale l’individuo non abbia consapevolezza di ciò che apporta e non lo sappia nominare, diventa un esperienza poco significativa e priva di autonomia).

L’autonomia dei processi virtuosi è la meta prefissa degli interventi condotti da Casematte, ed è la chiave attraverso la quale poter comprendere la compiutezza di un progetto di sviluppo sociale. In tal senso si esercita la consapevolezza di responsabilità nell’avviare e condurre progetti che diventano lontani da un sistema di intervento a spot, e che invece si interrogano su ciò che si trova e che si può lasciare all’interno del sistema su cui si agisce.